di segni e di sogni

 
 

Non è disegnare per fare qualcosa di bello,
ma disegnare per fare un progetto

Guardare dentro quelle linee e pensarci spazi di vita.

Così un posto diventa luogo

 

[smartslider3 slider=3]

 

accesso alla grandezza

 
 

‘chè affinché ci sia cambiamento serve la storia.

Al nuovo serve l’incontro col vecchio, che non è tale,

bensì parola di così tanti significati possibili,

da tradursi in una mano sulla spalla a dire: “vai!”